PROTECTORA Y SANTUARIO SCOOBY IN AUTUNNO

Rate this item
(0 votes)

 

PROTECTORA Y SANTUARIO SCOOBY IN AUTUNNO

 

 

I volontari di Greyhound Compassion sono di ritorno, dopo una visita ricca di azioni alla Protectora y Santuario Scooby di Medina del Campo. Noi quattro abbiamo cercato di far fruttare la nostra presenza il più possibile.

Abbiamo pulito, lavato, riordinato, preparato il cibo e vari altri lavoretti, poi abbiamo cercato di aggiungervi qualche extra! C'erano tanti galgos affettuosi e adorabili nella residenza.

Scooby si aspetta un arrivo massiccio di galgos durante i primi mesi della stagione della caccia (ora aperta) perché le lepri sono affette da una forma mutata di mixomatosi. Questo significherà inevitabilmente un numero crescente di galgos che arriveranno al rifugio nei mesi invernali, posto che la caccia chiuderà anzitempo, senza parlare della sofferenza delle povere lepri.

 

 

Abbiamo convinto il comitato per la raccolta di fondi a rimandare di una settimana la giornata "a porte aperte" perché potessimo prestare il nostro aiuto. Sul momento sembrava una buon idea, ma non abbiamo riflettuto che il clima avrebbe avuto una tale importanza (un po' diverso dalla mentalità nel Regno Unito "col sole o con la pioggia"). Il giorno dell'apertura il tempo era freddo e minacciava di piovere, ma i sostenitori spagnoli convinti sono venuti ugualmente per una visita del rifugio e qualche rinfresco.

 

 

Gl'inglesi hanno avuto l'idea di una "pesca" per i bambini, e di un gioco tecnico di abilità e di coraggio per i ragazzi. Sfortunatamente, qualcuno ha lasciato uscire i cuccioli salvati di recente per divertire i bambini, proprio quando si stavano avvicinando alla "pesca". Chi mai può competere con mezza dozzina d'irresistibili cuccioli ? Abbiamo raccolto qualche Euro per il santuario, ma non possiamo fare a meno di pensare che sarebbe stato meglio non interferire, e lasciare che gli organizzatori potessero capitalizzare sul tempo soleggiato della settimana precedente. Comunque, è stato bello poter presentare gli animali e il lavoro impegnativo di Scooby. Nella stessa settimana, i soccorritori di Scooby avevano fatto l'ultima di una serie di visite ad un signore che ammassava i cani, per salvare numerosi cani trascurati e maltrattati.

 

 

Ci ha fatto molto piacere vedere che sono iniziati i lavori di sostituzione delle recinzioni rotte intorno alle gabbie, nella parte vecchia del rifugio – 800 metri lungo le corsie 7 e 8. Questo migliorerà di molto le condizioni dei galgos del rifugio. I cani potranno beneficiare della luce del giorno e dell'aria fresca durante le loro corse all'aperto, senza quei divisori trasparenti tra i loro vari territori. Non avranno più l'occasione di creare antagonismi, o di scavare sotto il recinto per arrivare fino ai vicini, o di scappare e fare una passeggiata nel rifugio !

 

 

 

Protectora y Santuario Scooby beneficia dell'aiuto dei numerosi volontari che vi fanno visita, ma ci siamo accorti che delle regole di base scritte non sono sufficienti nel mondo odierno dei messaggi istantanei e delle comunicazioni interattive. E così, abbiamo aiutato a girare un video al rifugio, per ricordare ai volontari di rispettare Scooby in quanto casa degli animali, e per illustrare quali sono i valori che possono apportare i volontari col loro lavoro al rifugio.

Il film riesce a trasmettere il messaggio, anche se abbiamo dovuto tagliare parecchie scene. Dovevamo lottare con i cuccioli che venivano a disturbare i più vecchi, mentre questi erano lavati sullo sfondo, con i nasi appuntiti dei galgos che si ficcavano nell'obiettivo della cinepresa, col tempo mutevole, con uno scenario molto elementare e delle doti di riprese molto amatoriali, con un bastone per selfie finché un nostro compagno volontario l'ha sostituito. Il prodotto finale raggiungerà sicuramente lo scopo, e quante risate ci siamo fatte nel realizzarlo !

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Read 62 times Last modified on Martedì, 06 Novembre 2018 23:56

Su di noi

Scooby ha più di 30 anni di esperienza come rifugio per animali abbandonati e maltrattati. L’associazione è nata nel 1987 su iniziativa di diverse donne come risposta alla quantità di cani abbandonati nella zona di Medina del Campo (Valladolid). A metà degli anni ’90, quando già avevamo più mezzi, abbiamo messo in luce le atrocità commesse nei confronti dei galgo spagnoli...

Leggi di più...

Utilizamos cookies propias y de terceros para mejorar nuestros servicios y mostrarle publicidad relacionada con sus preferencias mediante el análisis de sus hábitos de navegación. Si continua navegando, consideramos que acepta su uso. More details…